Incontri Feldenkrais individuali

Integrazione funzionale

Per prima cosa il contatto

Nelle lezioni individuali, denominate Integrazione Funzionale®, l'insegnante per prima cosa, entra in contatto con l'allievo cercando di chiarire e comprendere quali sono le sue esigenze e le sue necessità. La persona può voler alleviare il dolore in qualche parte del corpo, o migliorare le sue prestazioni quali: la flessibilità, la velocità, la coordinazione, o sviluppare, o ampliare il suo processo di apprendimento, o eliminare tensioni...

un processo di apprendimento guidato

Una volta individuata l'area di interesse, il processo di apprendimento viene guidato attraverso le mani dell'insegnante in un "dialogo" prevalentemente non verbale, per mezzo di un tocco leggero, interattivo e non invasivo. In questo modo, all'allievo, generalmente disteso su di un apposito tavolo o seduto, e completamente vestito, viene chiarito, per mezzo di questo contatto molto gentile e con movimenti delicati, la relazione e l'interazione tra alcune parti del suo corpo come ad esempio, collo e testa, spalle e braccia, braccia e mani, o altre relazioni più specifiche.

L'insegnante mediante questa forma di "comunicazione", viene messo nella condizione di poter individuare l'organizzazione neuromuscolare interna della persona, in relazione alla sua interiorità e poi l'organizzazione in relazione all'ambiente circostante.

Imparare a funzionare in modo nuovo e più efficace

Il contatto dolce e per niente invasivo, consente di stimolare delle risposte conscie e inconscie, che si traducono in movimenti e funzioni e permette allo studente di imparare a riorganizzare se stesso per funzionare in modo nuovo e più efficace.

Per organizzazione interna, si intende, ad esempio, come questa persona respira, come si siede, come si gira o come sta in piedi. Quanto uno o più muscoli sono disponibili a rispondere a dei cambiamenti a livello di sensazioni. Quali sono le abitudini che riflettono l'espressione o la repressione delle emozioni.

Per organizzazione con l'ambiente esterno si intende invece, ad esempio, come il soggetto inizi e porti a termine un'azione. Se agisce in maniera semplice o complessa, o con movimenti a scatti.

La relazione tra se stessi e l'ambiente

La formazione della relazione tra se stessi e l'ambiente circostante è una funzione umana primaria. E' paradossalmente complessa e fondamentale nel nostro modo di compiere la maggior parte delle azioni e dei movimenti. Nel contempo è frutto anche di un'acquisizione che spesso si definisce scontata. Questi processi infatti, diventano come l'atto di inspirazione ed espirazione dell'aria, talmente meccanici e costanti che non li notiamo più. Oppure li notiamo solo quando ci causano fastidio, o ci portano un'altra limitazione.

Dalla consapevolezza al cambiamento

Il tipo di lavoro che avviene in queste lezioni, non è meccanico o correttivo, ma informativo e istruttivo. L'insegnante non lavora contro le resistenze dell'allievo, ma al contrario, una volta individuata l'organizzazione motoria momentanea, lo porta a percepire ed eliminare le tensioni superflue. Grazie a questa modalità particolare di porre domande e di non imporre, prima si raggiunge la chiarificazione della situazione e poi si integra il cambiamento.

Anche se apparentemente semplice, spesso porta a risultati sorprendenti, per il modo, totalmente nuovo, in cui la persona sente se stessa e la propria capacità di muoversi.

Gradatamente, lezione dopo lezione, il lavoro diventa più complesso. Si possono, ad esempio, integrare la funzione di muscoli grossi come quelli del bacino e del dorso, con strutture intermedie come quelle delle braccia, degli occhi e della testa, delle gambe con la funzione delle mani e dei piedi.

In ogni caso, nelle lezioni Feldenkrais, siano esse individuali o collettive, per poter apprendere i movimenti in modo organico, devono essere eseguiti motivati dall'interesse dell'allievo, con un atteggiamento di ascolto e di attenzione, per predisporsi ad accogliere le impressioni cinestesiche, a metabolizzarle, e a riorganizzarle in funzione della vita quotidiana.

Vuoi provare il metodo Feldenkrais?

Vuoi migliorare la tua organizzazione motoria, ridurre la tensione e il dolore muscolare, aumentare la tua flessibilità e coordinazione? Sperimenta il metodo Feldenkrais attraverso un incontro di prova gratuito.

Vuoi diventare insegnante Feldenkrais?

Inizia un percorso formativo che ti porterà ad essere un insegnante professionista qualificato, con la guida di uno staff internazionale. I nostri trainings di formazione sono approvati dall'AIIMF e accreditati dall'Euro-TAB.