L’orologio pelvico - parte seconda

Sdraiatevi sulla schiena...comodamente...piegate le ginocchia e appoggiate le piante dei piedi a terra... e immaginate che il vostro bacino sia appoggiato sul quadrante di un orologio disegnato sul pavimento... un orologio con le ore disposte in modo tale che le ore 12 siano sotto il tratto lombare...le ore 6 sotto il coccige... le ore 3 sotto la parte sx del bacino... e le ore 9 sotto la parte dx del bacino.

  1. Basculate il bacino tra le ore 12 e le ore 6... lungo la linea verticale che unisce le 12 alle 6... la linea che passa attraverso il centro dell'orologio... osservate se potete muovere il bacino premendo su questa linea, su questo asse 12-6...e poi 6-12 ...premendo un punto dopo l'altro... il movimento del rotolamento del bacino è fluido?... Osservate se qualche parte del torace viene coinvolta... qualche costola viene invitata al movimento? ...Ora basculate il bacino lungo l'asse che unisce le ore 3 alle ore 9 e viceversa ... srotolate la pressione dei diversi punti del bacino lungo l'asse orizzontale che passa per il centro dell'orologio... quando inclinate il bacino a sx, il piede dx spinge un po' sul pavimento... quando inclinate il bacino a dx, il piede sx spinge un po' sul pavimento ... veramente molto poco... lasciate andare tutto e riposatevi lateralmente... 
  2. Ora riprendete il movimento di basculamento del bacino dalle ore 6 alle 12 e viceversa... lasciate che anche la testa basculi... rotolando sopra la parte posteriore del cranio... immaginate che anche la parte posteriore del cranio sia appoggiato su un orologio dipinto sul pavimento... notate lungo quale linea la testa si muove ... quando la testa rotola verso l'alto, cioè quando il mento è lontano dal petto, il cranio preme, si appoggia sulle ore 12...quando il mento è più vicino al petto, il cranio preme sulle ore 6... questa volta rotolate volontariamente la testa lungo questo asse che unisce le ore 6 alle ore 12... le 12 alle 6... noterete che è estremamente più facile se basculate anche il bacino... fatene esperienza... provate qualche volta a rotolare la testa con la partecipazione del bacino... e qualche volta senza la partecipazione del bacino... cercate di percepire la differenza ... l'orologio disegnato sotto la testa è ovviamente molto più piccolo dell'orologio dipinto sotto il bacino... potete percepite la diversa grandezza dei due orologi mentre la testa e il bacino si muovono lungo l'asse 12-6?... Fatelo qualche volta... lateralmente... se vi siete riposati abbastanza, rotolate un po' la testa a dx e a sx lungo l'asse orizzontale che attraversa il centro dell'orologio unendo le ore 3 alle ore 9... .andata e ritorno... qualche volta... la testa rotola in maniera simmetrica verso le ore 3 e verso le ore 9?...Sentite il percorso che la parte posteriore del cranio traccia sul pavimento rotolando a dx e a sx... registratene le differenze... 
  3. Questa volta rotolate la testa lungo la linea che collega il centro dell'orologio alle ore 3 e ritornate... solo dal centro alle ore 3 ... andata e ritorno... muovete il bacino verso le ore 3... testa e bacino insieme dal centro dell'orologio verso le ore 3... sentite cosa fa il torace quando testa e bacino si muovono intenzionalmente insieme dal centro alle 3...il loro movimento comincia e finisce contemporaneamente nonostante la diversa ampiezza dei due orologi?... Riposatevi un momento e poi fate rotolare la testa e il bacino dal centro dell'orologio verso le ore 9... lungo l'asse orizzontale che passa attraverso il centro dell'orologio... .notate se i solchi lasciati dalla pressione del rotolamento della testa e del bacino sono chiari alla stessa maniera... notate la partecipazione delle coste nella rotolata a dx e a sx... qualche volta e poi lateralmente ... ora rotolate la testa e il bacino dal centro verso le ore 12 e ritorno al centro ... qualche volta... e poi dal centro verso le ore 6 e ritorno al centro... qualche volta...
  4. Nella stessa posizione con le gambe piegate e i piedi appoggiati a terra: rotolate il bacino in modo che prema sulle ore 12 e da lì portatelo a premere sulle ore 3 e ritorno... dalle ore 12 alle 3...la testa rotola, insieme al bacino, per un quarto di giro, dalle 12 alle 3... con un movimento circolare... sentite che è il bacino a guidare la testa... o la testa a guidare il bacino? ...O semplicemente vanno insieme? ... Fate una piccola pausa e poi portate il bacino a premere con il coccige sulle ore 6 e da lì, con un quarto di giro, portatelo sulle ore 3... dalle ore 6 alle 3... prima era dalle 12 alle 3...ora vi sto proponendo dalle 6 alle 3...per cominciare in modo più facile, fate si che sia il bacino a guidare il movimento... poi, quando il tutto è più chiaro, lasciate che la testa si unisca al movimento...e poi fate un semicerchio completo dalle 6 alle 12 passando per le 6-5-4-3-2-1-12...e poi 12-1-2-3-4-5-6... .con il bacino e la testa che si muovono contemporaneamente... sentite come la gabbia toracica e le coste e la colonna permettano il collegamento tra il bacino e la testa... notate se questo collegamento è omogeneo o se in certe "ore" si spezza, se in certi passaggi perdete la consapevolezza della simultaneità dei due semicerchi... e se siete consapevoli di fare un semicerchio discontinuo, provate a cambiare la velocità del movimento...o l'ampiezza...
  5. Mettetevi nella stessa posizione e sperimentate gradualmente il semicerchio sull'altro lato dell'orologio, cioè dalle ore 6 alle ore 12 passando per le 6-7-8-9-10-11-12 e poi 12-11-10-9-8-7-6... notate quali passaggi non sono chiari... fermatevi sulle ore dove sentite che il bacino e la testa non si muovono in maniera fluida... prendetevi tutto il tempo di cui avete bisogno per esplorare i movimenti del passaggio da un'ora all'altra... in un movimento circolare... un semicerchio...
  6. Questa volta eseguite il cerchio completo con il bacino e la testa sui due orologi ... qualche cerchio in senso orario... qualche cerchio in senso antiorario... percepite la differenza tra passare su un punto arrivandoci da una direzione oppure dall'altra direzione ... riposate... constatate la differenza, provate a fare qualche cerchio solo con il bacino... qualche cerchio solo con la testa... poi qualche cerchio tutti e due insieme... è diverso il movimento rispetto all'inizio della lezione? Se avete sperimentato anche la lezione del mese di ottobre, quanto vi è più chiara ora la relazione del bacino con il resto del corpo?... Ripete qualche volta ... fino a qunado il movimento vi offre la possibilità di scoprire qualcosa di interessante... ma prima che diventi una ripetizione meccanica, riposatevi e percepite le differenze... distendete le gambe, e apprezzate come la schiena si spiani ora sul pavimento... quanto è ampia la sua superficie di appoggio...quanto è il movimento delle costole ora sul pavimento... quanto piatto sia il bacino...quanto ridotti siano l'arco del collo, del tratto lombare e quello dietro le ginocchia... prendetevi il tempo di cui avete bisogno per registrare ed apprezzare tutti i cambiamenti... sentite come la colonna si distenda ora sul pavimento ...quanto è ampia la sua superficie di appoggio... quanto ampio è il movimento delle costole sul pavimento... quanto piatto sia il bacino... quanto ridotti siano l'arco del collo, del tratto lombare e quello dietro le ginocchia... e poi, lentamente, trovate la vostra strada per rotolarvi su un fianco e, senza sforzo alzatevi in piedi.
  7. Quando siete in piedi, giratevi a guardare alla vostra dx... sx... guardate un po' in su... in giù... quanta parte della colonna è coinvolta nel movimento?... e camminate... lentamente... sentite come si muovono le anche nella camminata... la parte bassa della colonna... le costole basse... le braccia e le spalle possono oscillare senza sforzo...

Buon cammino e alla prossima lezione...

Vuoi provare il metodo Feldenkrais?

Vuoi migliorare la tua organizzazione motoria, ridurre la tensione e il dolore muscolare, aumentare la tua flessibilità e coordinazione? Sperimenta il metodo Feldenkrais attraverso un incontro di prova gratuito.

Vuoi diventare insegnante Feldenkrais?

Inizia un percorso formativo che ti porterà ad essere un insegnante professionista qualificato, con la guida di uno staff internazionale. I nostri trainings di formazione sono approvati dall'AIIMF e accreditati dall'Euro-TAB.